Filiera Controllata
Gruppo Beretta

Controllo integrato, tracciabilità e salute dell’animale come punto fermo della produzione Beretta, questi sono gli elementi alla base della Filiera Controllata Beretta certificata OGM FREE

img1

Animal Welfare

Scrofaia

Il cardine della filiera controllata è l’Animal Welfare. Beretta garantisce il benessere degli animali gestendo e controllando in prima persona l’intera catena produttiva secondo rigide regole disciplinari.

Selezioniamo solo razze pure per la riproduzione, scegliendo rigorosamente solo Landrace e Large White. Un software innovativo controlla tutte le fasi di allevamento, dall’allattamento e svezzamento sino all’ingrasso con alimentazione esclusivamente vegetale e rigorosamente no OGM. Il processo di macellazione assicura la tracciabilità per tutte le fasi successive di lavorazione, preparazione e stagionatura dei prosciutti.

Tutta la strada che i nostri alimenti hanno percorso è tracciata e testimoniata dalla qualità finale.

Il benessere dei suini è un elemento imprescindibile dei nostri allevamenti. Per questo le scrofe sono libere di muoversi fuori dalle gabbie, in modo da portare a termine la gestazione nel modo più sereno possibile. Ogni parto viene assistito in modo individuale per garantire la massima cura alla scrofa e ai piccoli suini.

  • reparto inseminazione
  • reparto gestazione in cui le scrofe si muovono liberamente, dotate di micro-chip per l’alimentazione in stazioni automatiche
  • sale parto con larghezza adattabile alla dimensione della scrofa
  • - impianto di raffrescamento che tiene sotto controllo la temperatura in tutti i reparti, in modo da evitare lo stress da caldo in estate
img center

Svezzamento

Ingrasso

Già dalla nascita i suini sono trattati con rispetto: Beretta certifica che non gli sia tagliata la coda e non siano limati i piccoli denti. I piccoli suini sono allattati dalla scrofa per 28 giorni. In questo modo il latte della madre ha il tempo di rafforzare le difese immunitarie dell’animale che può crescere sano in spazi ampi e appropriati. Alla nascita è assegnato un codice a ogni piccolo suino in modo da garantire la piena tracciabilità in ogni momento della filiera.

Dopo i due mesi necessari allo svezzamento, inizia il ciclo più lungo dell’allevamento: la fase di ingrasso. Un periodo di dieci mesi in cui gli animali aumentano naturalmente di peso grazie ad un’ alimentazione sana e agli ampi spazi a disposizione per muoversi liberamente. In questo modo portano a termine un processo genuino di crescita fino a raggiungere i 165 kg. Mentre aumentano di peso e di dimensioni, i suini sono continuamente controllati dal punto di vista sanitario.

L’alimentazione è unicamente vegetale. I suini si nutrono solo con mais nazionale, no OGM, proveniente dalle aree del Pavese/Lomellina, dall’Alessandrino/Monferrato, e dalla produzione aziendale (20% del fabbisogno totale).

img_bottom

Verso il Macello

Anche l’accompagnamento alla fase del macello è curato nel massimo rispetto dell’animale. I controlli e la codifica sono imprescindibili in questa fase: ogni taglio anatomico è singolarmente codificato,

garantendo la tracciabilità per tutte le fasi successive di lavorazione, preparazione e stagionatura dei prosciutti e dei salumi.